E’ nata “L’Aquila centro” associazione di commercianti e residenti. Il Presidente Grillo: “Manca un progetto di città”

L’Aquila – Quello del Centro Storico dell’Aquila è un tema cruciale per la ricostruzione sociale della città dopo il sisma distruttivo del 2009 e passa per il tema del riavvio socio economico la cui antitesi sono lo spopolamento e la depressione.
A quasi nove anni da allora, oggi continuano a sovrapporsi coesistendo malamente le due dimensioni della città di transizione: quella in ricostruzione e quella in riavvio appunto, in cui attività commerciali e residenti coesistono con i lavori dei cantieri.

In questo contesto nasce così ‘L’Aquila centro’ un’associazione composta da commercianti, residenti e professionisti che hanno scelto di costituire uno dei primi processi sociali che rispondono ad un’esigenza di coordinamento e progettazione condivisa per il Centro storico dell’Aquila.

Il Presidente è il fotografo Roberto Grillo che abbiamo intervistato in diretta nella trasmissione Di Mattina e il cui Pod Cast mettiamo qui per intero, ascoltatelo!

Ascolta “E’ nata “L’Aquila centro” associazione di commercianti e residenti. Il Presidente Grillo: “Manca un progetto di città”” su Spreaker.
A Social Radio il Presidente Grillo racconta dei “problemi cronici dei sottoservizi” che sì  “pur vanno compiti”, ma “esistono grosse difficoltà per lavori che durano oltre i tempi previsti andando a chiudere strade che si sommano a quelle chiuse per altri cantieri” .

Manca un coordinamento – afferma con forza Grillo in Radio e –  ci sono ritardi importantissimi nell’erogare i fondi del bando ‘Fare centro’ anche sulla linea A”.

“Non ci siamo sentiti rappresentati da confcommercio e CNA –  aggiunge il fotografo – con cui siamo sicuri di riallacciare un rapporto anche grazie al volano dell’associazione o per lo meno io, come Presidente, me lo pongo come obiettivo”

Ma più di tutto per Grillo “manca un’idea progetto che non è stata data né dalla passata né da questa amministrazione e che noi vogliamo contribuire a dare”

“Siamo solo sessanta attività ad aver riaperto – continua il fotografo –  e gli appartamenti ricostruiti che vengono riabitati sono solo il 25%. Forse in molti aspettano per tornare un’idea di città, e se l’amministrazione non ne dà una a medio termine e non attiva azioni che vadano verso questa direzione, lo spopolamento continuerà”.

“Manca un progetto – conclude il Presidente di ‘L’Aquila Centro’ –  io non so da qui a cinque anni questa città che cosa sarà il Centro, non so se col mio negozio potrò resistere così per altri cinque anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *